"Forza e coraggio". Jack Sintini a Monte San Giusto


​Giacomo Sintini, soprannominato Jack. Anno 1976, una carriera importante nella pallavolo, titolare in molti club blasonati fino a quel terribile 2011 quando scopre di essere affetto da un linfoma maligno e per giunta molto aggressivo. Comincia così una lotta dura: sedici mesi di cure, sette cicli di chemioterapia e l’autotrapianto di midollo osseo. Mesi difficili, durante i quali deve ricorrere a tutta la sua forza e volontà di campione per contrastare quel male inaspettato e arrivato all’improvviso a cambiare la sua vita. Alla fine, però, guarisce! Rimane il desiderio di tornare in campo e, inaspettata come la malattia, arriva la telefonata del presidente dell'Itas Diatec Trentino che gli offre un ingaggio. Con la squadra trentina vince la Coppa Italia 2012/13 e il suo contributo è prezioso per la vittoria del terzo scudetto. Dopo l’infortunio del palleggiatore titolare prima della gara decisiva, Jack si ritrova infatti a condurre la sua squadra alla vittoria, guadagnandosi il meritato titolo di miglior giocatore della partita. Correva l’anno 2013. “Ho sempre voluto parlare alle persone della mia battaglia di sopravvivenza e l'ho sempre fatto da quando ne ho avuto le forze. Dal letto in cui stavo ho spesso sognato che qualcuno bussasse alla mia porta per dirmi "Ehi ragazzo! Guarda qua, io ero ammalato come te, avevo paura di non farcela, ma ho tenuto duro, ho tenuto duro nonostante tutto ed è andata bene! Cerca di non perdere mai la voglia di provarci! Credici, anche se ti sembra impossibile!". 'Forza e Coraggio' è un libro autobiografico che racconta questa incredibile storia a lieto fine.

Jack, insieme alla moglie, ha deciso di fondare l'Associazione Giacomo Sintini per sostenere la ricerca scientifica e dare speranza a chi pensa di non farcela. L'associazione si occupa di raccogliere fondi per la ricerca medica contro leucemie e linfomi e per l'assistenza in campo onco-ematologico. “Se oggi sono vivo lo devo a molti fattori, uno dei quali è la grande capacità dei medici che mi hanno assistito”. Con l’associazione Jack vuole restare in prima linea e non dimenticare ciò che queste persone hanno fatto per lui.

Sabato 7 novembre, alle ore 9.30, Giacomo Sintini sarà a Monte San Giusto, presso la palestra della Scuola Media L. Lotto, per raccontare la sua storia e portare la sua straordinaria testimonianza. Interverranno anche Mirko Giardetti, dirigente della Lube Volley, il Sindaco di Monte San Giusto Andrea Gentili e la dirigente scolastica Cinzia Pettinelli.


Featured Posts
Recent Posts